Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Giustizia sociale
antidoto alla guerra

· ​Messaggio del sostituto della Segreteria di Stato ·

«Un’occasione propizia» per «rinnovare la responsabilità nel cercare mezzi per prevenire ogni minaccia di conflitto armato, attraverso la promozione di una maggiore giustizia sociale, libertà e solidarietà». È quanto auspica Papa Francesco nel messaggio a firma del sostituto della Segreteria di Stato, arcivescovo Angelo Becciu, in occasione dell’inaugurazione del restauro dell’opera La guerra e la pace nel Palazzo della Nazioni Unite a New York.

I due grandi affreschi dipinti dall’artista contemporaneo brasiliano Candido Portinari (1903-1962), sono stati infatti restituiti all’antico splendore dopo un accurato restauro durato cinque anni. E dall’8 settembre è possibile ammirarli di nuovo nella sede dell’assemblea generale dell’Onu, dove si è svolta la cerimonia inaugurale. Le opere di 14 metri di altezza e 10 di larghezza — che illustrano la rovina e la desolazione dell’umanità da un lato e la raffigurazione di un mondo sano e armonioso dall’altro — sono state esposte anche in Brasile e in Francia grazie al «Progetto Portinari» diretto dal figlio dell’artista José Candido Portinari e legato all’Università cattolica di Rio de Janeiro.

Le parole del Pontefice — prosegue il messaggio indirizzato al cardinale Orani João Tempesta arcivescovo di São Sebastiao do Rio de Janeiro — sono oggi rivolte a tutte le persone in questo mondo che, come come denuncia l’Evangelii gaudium, «è lacerato dalle guerre e dalla violenza, o ferito da un diffuso individualismo che divide gli esseri umani e li pone l’uno contro l’altro ad inseguire il proprio benessere» (n. 99). Da qui la conclusione: «Nella fedeltà all’impegno sottoscritto in questo edificio dalle Nazioni Unite qui a New York, attendiamo con ansia il tempo in cui le nazioni “spezzeranno le loro spada e ne faranno aratri, delle loro lance faranno falci; una nazione non alzerà più la spada contro un’altra nazione, non impareranno più l’arte della guerra” (Isaia 2, 4)».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

15 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE