Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Giustizia e pane

· ​Incontro di Amecea e Caritas a Nairobi contro povertà e disuguaglianze ·

Lotta alla povertà e alle disuguaglianze, accompagnata dalla promozione della giustizia sociale: questo l’impegno congiunto preso nei giorni scorsi dall’Associazione delle conferenze episcopali dell’Africa orientale (Amecea) e dalle Caritas regionali, al termine di un incontro svoltosi a Nairobi, in Kenya. Alla riunione hanno preso parte i direttori nazionali della Caritas e i segretari generali delle commissioni episcopali di giustizia e pace.

In un comunicato finale diffuso al temine dei lavori, Amecea e Caritas si richiamano alle direttive di Papa Francesco che ha più volte esortato le organizzazioni cattoliche a darsi la mano per creare una maggiore sinergia, con l’obiettivo di servire il popolo di Dio nel modo migliore. Il tutto tenendo sempre presente lo spirito di san Francesco di Assisi, nel quale «si riscontra — ricorda il Papa nell’enciclica Laudato si’ — fino a che punto sono inseparabili la preoccupazione per la natura, la giustizia verso i poveri, l’impegno nella società e la pace interiore».
Di qui l’impegno dei due organismi africani a rafforzare maggiormente la collaborazione reciproca anche attraverso un intenso scambio di informazioni e di esperienze e ulteriori partenariati con altre strutture della Chiesa cattolica impegnate nel settore sociale. Al centro della nota, poi, il dramma della tratta delle persone e della migrazione: in quest’ambito, Amecea e Caritas si sono impegnate ad affrontare «le cause profonde e i bisogni delle persone colpite». In quest’ottica, quindi, viene lanciato un appello affinché le vittime del traffico di esseri umani vengano trattate con dignità; si invitano i migranti a riconoscere le leggi dei Paesi di accoglienza.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE