Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Giovanissimi da oltre quindici secoli

· Porte aperte il 2 aprile alla Schola Cantorum dove si formano le voci bianche della Cappella Musicale Pontificia ·

Anche la Schola Puerorum ha il suo open day, il giorno in cui si presenta al mondo: il prossimo 2 aprile chi è interessato potrà visitare la sede, posta nel cuore di Roma, in via del Monte della Farina (vedi in Rete il sito www.cappellamusicalepontificia.va) e ricevere tutte le notizie relative alle attività e al funzionamento della scuola. 

Perché di una scuola a tutti gli effetti si tratta, benché sui generis. I pueri cantores della Sistina sono la sezione voci bianche (soprani e contralti) della Cappella musicale pontificia, «l'anima giovane e il fiore all'occhiello dell'intero coro» come si legge nel comunicato stampa che presenta l’iniziativa.

Chiamati a frequentare cinque anni di studi musicali, il pueri cantores tengono viva una tradizione che — seppur con varie interruzioni — continua oramai da quindici secoli, contribuendo alla valorizzazione di un patrimonio musicale unico nel suo genere; le voci bianche della Schola Puerorum, infatti, sono parte integrante della Cappella musicale Sistina, il coro delle celebrazioni liturgiche del Papa presente sin dai primi secoli della Chiesa.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE