Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Giorno e notte in preghiera per il Papa

· Benedetta dal cardinale Baldisseri la prima pietra della nuova cappella nel santuario della Madonna di Fátima a Rio de Janeiro ·

A Rio de Janeiro ci sarà presto una piccola cappella dove donne e uomini si daranno il cambio per adorare senza interruzioni il Santissimo Sacramento «per il Papa, per il suo servizio alla Chiesa e le sue intenzioni, assecondando una precisa richiesta della Vergine di Fátima».

A benedire e collocare la prima pietra della cappella, nella mattina del 12 agosto scorso, è stato il cardinale Lorenzo Baldisseri, segretario generale del Sinodo dei vescovi, che ha visitato appunto il santuario di Nostra Signora di Fátima a Rio de Janeiro, la città che sta ospitando proprio in questi giorni le olimpiadi. Il cardinale — che in Brasile ha trascorso quasi un decennio come nunzio apostolico dal 2002 al 2012 — ha avuto parole di incoraggiamento per l’iniziativa. E nell’omelia della messa ha ricordato l’ormai imminente commemorazione del primo centenario delle apparizioni mariane a Fátima, rimarcando che proprio nel santuario di Rio c’è «l’unica replica al mondo della cappellina di Cova d’Iria, il luogo dove la Vergine santa ha parlato a tre giovani pastorelli — Giacinta, Francesco e Lucia — per rivolgere attraverso di loro all’umanità intera un invito alla conversione». Queste riflessione mariane ed eucaristiche sono state riprese dal cardinale anche nella celebrazione presieduta il 13 agosto, con l’invito a tutti a diventare senza indugi «evangelizzatori con Spirito». Nell’occasione il porporato ha sottolineato in particolare che «non può esserci rinnovamento missionario della Chiesa senza l’azione dello Spirito Santo. La “riforma” non è opera dell’uomo, ma di Dio, e siamo da lui chiamati a prestare umilmente la nostra collaborazione».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE