Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

In Giordania
è crisi umanitaria

· Appello della Caritas alla comunità internazionale per l’alto numero di rifugiati ·

Diventa di giorno in giorno sempre più esplosiva la situazione in Giordania e nei suoi affollatissimi campi profughi. A lanciare l’allarme sono i responsabili della Caritas locale, impegnata con circa duemila volontari, che ricordano come nel Paese trovano attualmente riparo due milioni e 700.000 rifugiati. 

Una moltitudine che pone la Giordania al primo posto nella classifica delle nazioni ospitanti il maggior numero di profughi e sfollati, seguita da Turchia (2,5 milioni), Pakistan (1,6 milioni) e Libano (1,5 milioni). Secondo i dati forniti da Amnesty international, la metà dell’intera massa di rifugiati è ospitata soltanto da 10 Paesi. «Questi dati — ha dichiarato all’agenzia Fides Wael Suleiman, direttore generale di Caritas Jordan — sono addirittura sottostimati rispetto alla realtà, e impressionano anche perché documentano che le nazioni più ricche e avanzate ospitano un numero esiguo di profughi, nonostante adesso in quei Paesi molti governi siano guidati o comunque condizionati da forze che guadagnano potere proprio sfruttando e fomentando la paura e il rifiuto degli immigrati».

Di qui anche un appello alla comunità internazionale perché si faccia coraggiosamente carico della situazione che coinvolge soprattutto la popolazione in fuga dalla Siria. «La Giordania — afferma Suleiman — è aperta a tutti, siamo consapevoli di svolgere una missione umanitaria importante, e vogliamo continuare. Negli ultimi tempi sono stati regolarizzati come lavoratori 200.000 rifugiati siriani. Ma ormai rifugiati e immigrati rappresentano il 40 per cento della popolazione. Tanti giordani sono adesso più poveri di molti immigrati. Se la comunità internazionale non prende atto della situazione esplosiva e non interviene a sostenere questo sforzo compiuto dall’intero Paese, arriverà un tempo in cui anche qui verranno chiuse le porte d’ingresso e si penserà di rimpatriare chi era fuggito.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

14 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE