Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Gioia per il rilascio dei missionari in Camerun

· Concluso il viaggio del cardinale Filoni in Africa ·

«Ringraziamo Dio per questo momento di gioia che ha dato alla Chiesa del Camerun e alla Chiesa di provenienza sia dei due sacerdoti sia della suora». 

L’incontro a Yaoundé con i sacerdoti e la suora liberati

Con una dichiarazione rilasciata lunedì 2 giugno all’agenzia Fides, il cardinale Fernando Filoni ha commentato così il rilascio — avvenuto nella notte precedente — dei due preti vicentini fidei donum, Gianantonio Allegri e Giampaolo Marta, e della religiosa canadese ottantenne Gilberte Bussier, della congregazione delle suore di Nostra Signora di Montreal. I tre erano stati rapiti il 4 aprile scorso nel nord del Paese. Il prefetto della Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli li ha incontrati a Yaoundé, da dove è ripartito alla volta di Roma, a conclusione della sua visita pastorale in Camerun e in Guinea Equatoriale. «Li ho trovati emozionati e contenti — ha detto — e in buone condizioni fisiche e psicologiche. Il fatto che siano stati sempre insieme li ha aiutati a sostenersi vicendevolmente».

Proprio il cardinale Filoni aveva rilanciato lo scorso 28 maggio, incontrando la Conferenza episcopale del Camerun a Bamenda, l’appello del cardinale Christian Wiyghan Tumi per la liberazione dei rapiti. Si è conclusa così, nel segno della gioia, la visita pastorale del porporato alle Chiese del Camerun e della Guinea Equatoriale. Otto giorni durante i quali ha incontrato le componenti principali delle comunità cattoliche dei due Paesi africani. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE