Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Giocattolo teologico

· Il piccolo Gesù di cera ·

In un ampio approfondimento Sylvie Barnay racconta la genesi e il significato dei piccoli Gesù di cera che prendono posto nel presepio di Natale. 

"I tesori delle chiese e i depositi dei musei a volte li conservano ancora nei loro scrigni di paglia. Vengono da sempre fabbricati artigianalmente nei monasteri. Questi giocattoli teologici raccontano anche a modo loro la bella storia della Natività", scrive la storica. I primi Gesù di cera – continua l'articolo - fanno la loro apparizione alla fine del XIV secolo. Vedere il bambinello di Natale modellato con la cera è per il mondo medievale un modo di esprimere la duplice natura di Cristo, umana e divina, come la cera, che è solida e liquida. In Italia, nelle case fiorentine delle classi signorili, le giovani possedevano simili oggetti per giocare con il Cristo bambino, in una santa familiarità che consisteva nell’imitare la vita della Vergine Maria. Se ne servivano così per la meditazione e l’edificazione, ma anche come modello e materializzazione delle loro immagini interiori.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 ottobre 2017

Prossimi eventi

NOTIZIE CORRELATE