Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Giappone
al voto

· Per le legislative ·

Chiamati alle urne domenica per le elezioni anticipate, i giapponesi si apprestano a riconfermare il primo ministro Shinzo Abe. Gli ultimi sondaggi prevedono infatti una vittoria del partito Liberaldemocratico (Ldp) al governo e dei loro alleati centristi del Komeito, con oltre 300 seggi conquistati alla camera bassa su un totale di 465. Abe ha deciso di convocare le elezioni anticipate circa un mese fa, dopo l’ennesimo test missilistico nordcoreano. Il primo ministro punta a ottenere un mandato forte per poter affrontare la minaccia di Pyongyang, e quindi svolgere un ruolo internazionale. Se verrà superata la soglia dei 310 deputati, Abe avrà una maggioranza dei due terzi, che gli consentirà di modificare la costituzione — immutata da 70 anni — in senso nazionalista. E questo soprattutto mutando la natura dell’esercito giapponese da difensivo a offensivo.
Abe può vantare i buoni risultati raggiunti dal suo governo soprattutto sul piano economico. Il Giappone è in crescita per il sesto trimestre consecutivo, con un tasso positivo del 2,5 per cento annuo, ma consumi e salari ristagnano. E decine di migliaia di persone non hanno potuto ancora far ritorno alle loro case dopo il disastro nucleare di Fukushima nel 2011. Il tasso di approvazione del suo governo è sceso a ottobre dal 50 al 34 per cento, mentre quello di disapprovazione saliva dal 42 al 48 per cento. Tuttavia Abe rappresenta ancora una certa stabilità, e questo viene apprezzato dagli elettori in tempi di forte incertezza. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE