Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Ghani propone
il dialogo ai talebani

· Intervento del presidente afghano alla conferenza di Kabul ·

Aprendo, stamane, i lavori della conferenza internazionale sull’Afghanistan — il cosiddetto Processo di Kabul — il presidente afghano, Ashraf Ghani, ha proposto ai talebani di unirsi a un processo che metta fine una volta per tutte al drammatico conflitto nel paese. «La pace non può essere raggiunta senza i talebani», ha dichiarato il capo dello stato. 

La consegna delle armi dei talebani dopo la resa (Epa)

Alla riunione — che ha l’obiettivo di stabilire una road map per la pace in un paese martoriato da decenni di guerre — prendono parte delegati di 25 paesi e organizzazioni internazionali. Ghani ha anche aggiunto di essere pronto a «negoziare un cessate il fuoco con i talebani», che a quasi 17 anni dalla caduta del loro regime controllano ampie zone del paese. Nel suo intervento, Ghani ha invitato gli insorti a lavorare insieme per «salvare l’Afghanistan» spiegando che l’offerta di dialogo e la tregua potranno «permettere ai talebani di trasformarsi da gruppo combattente in partito politico». Tra le offerte avanzate dal presidente ai talebani in cambio della fine delle ostilità, riporta l’agenzia di stampa Dpa, figurano il rilascio di passaporti afghani per i militanti e i loro familiari, l’apertura di un ufficio politico a Kabul e la liberazione di alcuni prigionieri. Il governo, inoltre, lavorerà per rimuovere le sanzioni imposte ai leader dell’organizzazione e — nell’ambito di un eventuale negoziato di pace con i talebani — si è detto disposto a una revisione della Costituzione. 

«La decisione è nelle vostre mani — ha dichiarato il presidente rivolgendosi ai leader talebani — venite al tavolo dei negoziati e costruiamo questo paese insieme». Nel suo discorso, Ghani si è rivolto, quindi, al Pakistan, invitandolo ad aprire un dialogo bilaterale. «Siamo pronti a discutere con Islamabad, dimenticando il passato e cominciando un nuovo capitolo nelle relazioni bilaterali», ha detto il presidente afghano.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE