Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Gesù
per le strade

· ​Il cardinale Parolin a Cesena per il congresso eucaristico ·

«Gesù, vivo e presente nel pane e nel vino consacrati, non intende rimane isolato, centrale sì nei tabernacoli e nelle chiese, ma quasi periferico e sconosciuto al mondo». Al contrario, «desidera uscire nelle strade per essere incontrato e servito con un impegno e una devozione» che non possono «limitarsi all’intimo della coscienza», ma dovrebbero tradursi «in concreta azione di carità e misericordia».

Lo ha sottolineato il cardinale Pietro Parolin, celebrando domenica 29 maggio a Cesena la messa di chiusura del congresso eucaristico diocesano.

Invitato dal vescovo di Cesena-Sarsina, monsignor Douglas Regattieri, il segretario di Stato ha portato ai presenti il saluto di Papa Francesco e all’omelia ha parlato della festa del Corpus Domini come una di «quelle che più esprimono la gioia di essere cristiani». In particolare ha fatto notare come «cibandoci del corpo e del sangue di Cristo e professando la fede in lui», vengano «plasmate le coscienze, modificati gli atteggiamenti e indirizzate le scelte dei discepoli, fino a coinvolgere in questa trasformazione l’intera società». Inoltre, ha aggiunto, «l’Eucaristia ci chiama a un rinnovato spirito missionario, a uscire verso il prossimo ferito dal male e assetato di verità, di pane, di libertà autentica e compassione, bisognoso di conoscere e amare Gesù per trovare pace e gioia».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE