Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

A Gerusalemme
tutti insieme per la pace

· ​Intervista al segretario generale del Wcc Olav Fyske Tveit ·

Riunire a Gerusalemme, in occasione della Pentecoste 2017, l’intera famiglia cristiana per pregare per la pace in Terra santa e nel mondo. È la proposta lanciata dal pastore luterano Olav Fyske Tveit, segretario generale del World Council of Churches (Wcc) in un intervista al nostro giornale. Nel colloquio, svoltosi il 19 dicembre a Ginevra, Tveit si è soffermato in particolare sui rapporti, «molto buoni», con la Chiesa cattolica, sull’impulso dato da Papa Francesco alle relazioni ecumeniche, sulla comune commemorazione della Riforma, sul fondamentale ruolo delle donne e dei giovani nella missione ecclesiale, sulla lotta all’ingiustizia e alla violenza. Al termine dell’incontro, cui ha preso parte Marianne Ejdersten, responsabile della comunicazione per il Wcc, vi è stato un omaggio alla targa che ricorda l’arcivescovo luterano svedese Nathan Söderblom che nel 1917 lanciò l’idea di un Consiglio ecumenico di chiese per costruire la pace in un mondo in guerra.

di Riccardo Burigana

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE