Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Garanzia
di un diritto

· I vescovi andalusi e l’insegnamento della religione a scuola ·

Crisi economica, istruzione, insegnamento della religione a scuola, famiglie in difficoltà: sono alcuni dei temi più importanti affrontati nei giorni scorsi durante l’assemblea ordinaria dei vescovi del Sud della Spagna, che comprende le diocesi di Sevilla, Granada, Almería, Cádiz y Ceuta, Córdoba, Guadix, Huelva, Jaén, Jerez de la Frontera e Málaga.

Nel corso dei lavori, svoltisi a Córdoba, l’assemblea ha dedicato un’ampia riflessione all’analisi della situazione sociale della regione, con particolare attenzione all’azione socio-caritativa della Chiesa in un tempo di crisi come quello attuale. I vescovi seguono da vicino, nelle loro rispettive diocesi, lo sviluppo delle attività benefico-sociali portate avanti dalle istituzioni ecclesiali come le Caritas parrocchiali e diocesane, organismi religiosi, fraternità e confraternite. I vescovi hanno ben presente che tutta questa opera sociale si deve alla fede cristiana e alla generosità di tanti cattolici e cittadini, che offrono la propria solidarietà tanto nell’ambito delle proprie famiglie quanto appoggiando economicamente le varie istituzioni della Chiesa.

L’episcopato andaluso — riferisce il Sir — ha sottolineato l’importanza dell’educazione dei figli nell’ambito familiare e scolastico, segnalando il diritto e il dovere dei genitori di affrontare questa sfida e di partecipare in modo attivo alle attività delle associazioni familiari e scolastiche.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

07 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE