Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Gabon innanzitutto

· Dai vescovi nuovo appello al dialogo ·

«La Chiesa cattolica continua a pregare per il Gabon e resta disponibile per accompagnare un processo di uscita dalla crisi per il bene del paese. Perché dire “il Gabon innanzitutto” significa mettersi al servizio del bene comune e non servirsi del Gabon per saziare la propria sete di potere». 

Riunita nei giorni scorsi a Libreville in sessione plenaria straordinaria, la Conferenza episcopale ha diffuso un messaggio nel quale torna sulla profonda crisi politica e sociale vissuta dal paese dopo l’elezione (il 27 agosto 2016) del presidente uscente Ali Bongo Ondimba, fortemente contestata dallo sfidante, Jean Ping. Situazione così tesa che l’11 settembre Papa Francesco, nel dopo Angelus, ha rivolto un appello affinché tutte le parti rinuncino alla violenza.

Una delegazione dell’opposizione gabonese — riferisce l’agenzia Fides — si è recata il 24 gennaio a Bruxelles per ricordare all’Unione europea la sua responsabilità di chiedere il riconteggio dei voti delle elezioni presidenziali dopo che un rapporto di osservatori europei, pubblicato a dicembre, affermava che si è verificato un “processo opaco” nelle operazioni di conteggio. La situazione non è degenerata ma rimane tesa, nonostante l’annuncio di una possibile ripetizione delle elezioni nel 2017. A gennaio, al termine dell’assemblea plenaria ordinaria, i vescovi erano già intervenuti esortando i gabonesi alla vigilanza: «Siate molto attenti. Siate coraggiosi, mostratevi uomini e donne». Appello rivolto in particolare ai giovani, «il futuro del paese», ai quali si chiede di «vivere nella riconciliazione con Dio e tra noi», poiché senza di essa «comprometterete durevolmente il vostro avvenire, perché l’odio, una volta seminato nel cuore, è difficile da estirpare».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE