Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Futuro e memoria

· Le religiose e il decreto «Perfectae caritatis» ·

La Chiesa sta vivendo l’anno dedicato alla vita consacrata, e si festeggiano i cinquant’anni anni del decreto conciliare Perfectae caritatis, ma le riflessioni finora proposte su questi temi sono soprattutto e solo di carattere teologico e/o spirituale. La cultura cattolica, infatti, è poco incline a riflettere su di sé utilizzando gli strumenti dell’analisi storica, anche quando questo aiuterebbe a capire il presente. Lo scrive Lucetta Scaraffia aggiungendo che qunidi è di particolare interesse il libro di una storica, Caterina Ciriello Il contributo delle religiose uditrici al Perfectae Caritatis (Todi, Tav editrice, 2015, pagine 245, euro 18) che nella prima parte ricostruisce minuziosamente la preparazione del decreto e in particolare il ruolo delle uditrici appartenenti a una comunità religiosa in questa fase.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

17 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE