Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Fuga da Kathmandu

· Centinaia di migliaia di persone abbandonano la capitale per la mancanza di aiuti ·

Resta ancora critica la situazione in Nepal a poco meno di una settimana dal terribile sisma che ha ucciso oltre cinquemila persone, stando agli ultimi dati ufficiali.

Superstiti del sisma  nella capitale nepalese (Reuters)

E la capitale Kathmandu, una delle zone più colpite dal terremoto, rischia di diventare una città fantasma: più di centomila persone hanno già lasciato l’area per dirigersi in altre regioni del Paese. Le condizioni nelle tendopoli tirate su in fretta dopo il sisma, la scarsità di viveri e di acqua, il terrore di nuove scosse e delle epidemie hanno innescato la fuga degli sfollati e le autorità stanno tentando di controllare la situazione con grandi difficoltà. Si stima, secondo dati riportati dal sito del quotidiano «Washington Post», che nelle prossime ore fino a trecentomila persone potrebbero abbandonare la città: oltre un decimo degli abitanti. A un checkpoint sulla principale autostrada, fonti ufficiali hanno riferito di oltre trecento fra autobus e pullman sovraccarichi di disperati in preda al panico: un numero dieci volte superiore a una giornata normale. Molti si dirigono verso regioni lontane, di cui sono originari, fuori dalla valle della capitale. Il Governo centrale sta cercando di potenziare i collegamenti e di mettere a disposizione mezzi gratuiti. Ma le centinaia di migliaia di persone ammassate davanti ai terminal e alle stazioni stanno creando caos e seri problemi di sicurezza. Intanto, proseguono le ricerche dei superstiti. Il bilancio delle vittime è salito ieri alla cifra di 5489 morti. Ieri dalle macerie, dopo cinque giorni, è riemerso vivo un ragazzo di quindici anni.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE