Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Francesco hai fatto gol nei nostri cuori

· La sintesi della visita ad Assisi in uno striscione esposto al campo sportivo di Rivotorto alla partenza del Pontefice ·

Famiglia al riparo dalla cultura del provvisorio e  Vangelo «da annunciare, se serve, anche con le parole!». Sono gli  ultimi messaggi lasciati ad Assisi da Papa Francesco. Li ha consegnati ai quarantamila di Santa Maria degli Angeli, tutti giovani, che, giunti dalle otto diocesi umbre — ma sicuramente c’era  qualche “infiltrato” dato che si sono visti striscioni anche in inglese — lo hanno atteso sin dalle prime luci dell’alba,  accampati sui pratoni davanti alla basilica.

L’incontro è avvenuto all’imbrunire di una giornata impegnativa, condensata in dodici intensissime ore. Gli avvenimenti si sono succeduti  senza soluzione di continuità. Il Papa non si è certo risparmiato. È stato sempre in mezzo alla gente, nel vero senso della parola. E forse sono  stati molti di più quelli che sono riusciti almeno a sfiorare la sua veste di chi non ha potuto farlo.

Sedici i  più significativi luoghi  legati alla memoria di san Francesco e della sorella Chiara  visitati o dinanzi ai quali il Papa ha sostato in preghiera; centinaia e centinaia le persone sfilate davanti a lui in un immancabile, e mai frettoloso, “baciamano”;  difficile poi quantificare le persone alle quali il Pontefice si è spontaneamente avvicinato, abbracciandole, baciandole o anche soltanto sfiorandole con una carezza. Una cifra sicuramente a tre zeri.  Sei i discorsi pronunciati, alcuni radicalmente nuovi rispetto a quelli preparati; altri arricchiti con tante improvvisazioni; uno, quello alle Clarisse, pronunciato direttamente a braccio. Tutti estremamente ricchi, densi di significato, destinati a rimanere nella memoria anche grazie a scherzose, ma sempre appropriate divagazioni. E se il procedere a mano a mano si faceva un po’ più lento, il volto di Papa Francesco costantemente aperto al sorriso restava lo specchio di una gioia interiore profondamente vissuta. Una giornata che ha avuto la sua sintesi nelle parole scritte su uno striscione esposto nel campo sportivo di Rivotorto da dove il Papa è ripartito in serata. C'era scritto: «Francesco hai fatto gol nei nostri cuori».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE