Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Fragile eredità

· ​Ai vescovi del Benin il Papa raccomanda vigilanza per rafforzare la convivenza fra le religioni ·

«Il Benin è un esempio di armonia tra le religioni presenti nel suo territorio». Ma «tenuto conto del clima mondiale attuale», occorre essere vigili «al fine di conservare questa fragile eredità».

«Ultima cena» (arte africana)

Lo ha raccomandato Papa Francesco ai vescovi del Paese africano ricevuti in udienza nella mattina di lunedì 27 aprile, in occasione della visita ad limina.

Nel discorso il Pontefice ha posto l'accento in particolare sulle sfide che la Chiesa deve affrontare oggi: la famiglia e i giovani. “Nelle vostre diocesi – ha detto tra l'altro – avete aperto numerose scuole cattoliche, e i giovani sono ben inseriti nei movimenti. Questo sforzo va proseguito senza posa, poiché la formazione integrale, sia umana sia spirituale, delle giovani generazioni è importante per il futuro della società alla quale esse potranno apportare il loro prezioso contributo, soprattutto in materia di solidarietà, di giustizia e di rispetto dell’altro”.

Il discorso del Papa 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 giugno 2019

NOTIZIE CORRELATE