Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Forza fisica e spirituale

· ​A Cuba il patriarca di Mosca e di tutta la Russia ·

«Sarà un viaggio lungo e difficile» e «richiederà forza fisica e spirituale»: lo ha detto il Patriarca Cirillo prima di imbarcarsi sul velivolo con cui giovedì mattina, 11 febbraio, è partito alla volta di Cuba alla vigilia dello storico incontro con Papa Francesco. Come riferisce l’agenzia «Ria Novosti», il Patriarca di Mosca e di tutta la Russia è partito dall’aeroporto internazionale di Vnukovo, accompagnato da un seguito di un centinaio di persone. Tra loro trenta giornalisti e venti coristi dell’eparchia della regione di Mosca. La televisione russa ha mostrato le immagini dell’inizio del primo viaggio ufficiale in America latina, che durerà undici giorni e farà tappa anche in Paraguay e in Brasile.

E a Cuba è arrivato giovedì 11 anche il cardinale Kurt Koch, presidente del Pontificio Consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani, accompagnato dal domenicano Hyacinthe Destivelle, officiale del dicastero. Alla vigilia della partenza il porporato ha rilasciato un’intervista a Radio vaticana, definendo l’incontro dell’Avana «un passo coraggioso che porterà buoni frutti nel dialogo ecumenico».

Rispondendo alle domande di Mario Galgano, dopo aver rimarcato «il fatto che per la prima volta nella storia un Patriarca russo-ortodosso e il vescovo di Roma, come Pontefice della Chiesa universale cattolica» abbiano deciso di incontrarsi, il cardinale Koch ha sottolineato che nel previsto colloquio non si potrà parlare di tutto, «ma sicuramente si parlerà delle questioni che riguardano i due capi delle Chiese, da un punto di vista personale ed ecclesiale».

Il cardinale Koch si è anche detto fiducioso che l’incontro tra Francesco e Cirillo «sicuramente andrà a forgiare i rapporti all’interno dell’ortodossia: con molti dei Patriarchi ortodossi non abbiamo finora contatti, e questo incontro potrebbe contribuire anche ad approfondire i rapporti intra-ortodossi, in vista del Concilio panortodosso che si svolgerà a giugno a Creta. A quel punto, sicuramente porterà frutti buoni per il dialogo teologico, che noi conduciamo non solo con singole Chiese ma con l’insieme dell’ortodossia».

Infine, interpellato su eventuali timori e riserve, il porporato ha sgombrato il campo da ogni dubbio: «credo che il Patriarca russo-ortodosso sia profondamente consapevole di questa atmosfera, di queste reazioni, e questo è a più forte ragione conferma della volontà di realizzare questo incontro. In questo senso — ha concluso — quello del Patriarca è sicuramente un passo coraggioso».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 aprile 2019

NOTIZIE CORRELATE