Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Fiducia difficile
per il Governo libico unitario

· ​Liberati a Sabrata gli altri due ostaggi italiani ·

Mentre la Libia ha problemi enormi, condizionata in maniera estremamente marcata dalla presenza di gruppi terroristici, è fissato per lunedì prossimo il voto di fiducia del Parlamento di Tobruk, unico riconosciuto dalla comunità internazionale, sul Governo di unità nazionale, ma sono in pochi a farsi illusioni sulla possibilità che in effetti si tenga e che non ci sia un ulteriore rinvio. 

La Camera dei rappresentanti di Tobruk (Afp)

È, infatti, forte il timore, anche dell’inviato speciale dell’Onu per la Libia, Martin Kobler, che anche questa volta il voto venga rinviato a causa dell’opposizione del presidente del Parlamento di Tobruk, Agila Saleh.

Addirittura si dice che in occasione dell’ultimo voto — rinviato ormai da settimane di lunedì in lunedì — sarebbe stata staccata la luce nella sede della Camera dei rappresentanti di Tobruk per impedire che si tenesse la seduta. Sono due le votazioni che il Parlamento dovrebbe tenere: una, a maggioranza semplice, sulla fiducia al Governo di unità, l’altra, a maggioranza di due terzi, per inserire il pacchetto dell’accordo politico come emendamento alla dichiarazione costituzionale libica. Pacchetto che prevede, tra l’altro, che il comando supremo delle forze armate libiche passi al premier incaricato Fayez Al Sarraj. Nel frattempo, altri due ostaggi italiani sono stati liberati oggi nella città di Sabrata, nell’ovest della Libia, a quanto si apprende da fonti della Farnesina. La liberazione dei due tecnici italiani che sono in buone condizioni di salute è uno sviluppo dei tragici fatti dell’altro ieri che hanno portato all’uccisione degli altri due sequestrati. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

13 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE