Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Fiamme
in una baraccopoli di Karachi

· Cinque morti tra i quali due bambini ·

Cinque persone sono morte nel rogo divampato ieri sera in una bidonville alla periferia di Karachi, capitale del Pakistan. Tra le vittime, secondo alcune fonti, ci sarebbero due bambini.

Un abitante della baraccopoli  tenta di spegnere le fiamme  (Epa)

Nove le persone ricoverate al Jinnah Post Graduate Medical Centre per le ustioni riportate nell’incendio che ha distrutto una quarantina di baracche nell’area di Gulistan-i-Jauhar, a nord della metropoli. Secondo una prima ricostruzione, le fiamme si sarebbero originate da un fornello improvvisato e, dopo aver distrutto il piccolo locale, si sono propagate alle altre abitazioni favorite dal forte vento. Gli abitanti della baraccopoli — molti dei quali si sono salvati grazie all’avviso diffuso dalle moschee locali — hanno cercato con ogni mezzo di spegnere le fiamme, ma senza successo. Quando sono arrivati i vigili del fuoco il rogo aveva già divorato molte capanne costruite con cartone, legno e lamiera. Tuttavia l’intervento dei pompieri, giunti sul posto in breve tempo, ha comunque evitato che la tragedia assumesse proporzioni più ampie. Un ufficiale della Karachi metropolitan corporation, che si occupa dei servizi municipali della capitale, ha affermato la Kmc si farà carico della sepoltura delle vittime e dell'assistenza alle persone colpite. Il ministro dell’Interno della regione, Sohail Anwar Sial, ha chiesto alle autorità un rapporto sull’accaduto. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE