Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Festa di famiglia

· Il Papa all’Angelus di Ognissanti ·

Elizabeth Wang, «La chiamata alla santità»

«O santità o niente»: l’impegnativo programma di vita del cristiano è stato rilanciato dal Papa all’Angelus in piazza San Pietro di giovedì 1° novembre, solennità di tutti i Santi.

«Ci fa bene lasciarci provocare» da loro, ha spiegato Francesco, perché essi in vita «non hanno avuto mezze misure» e ora dal paradiso fanno il tifo «per noi, perché scegliamo Dio, l’umiltà, la mitezza, la misericordia, la purezza»: ovvero “la via delle Beatitudini”. Da qui l’esortazione a seguire l’esempio dei santi: non solo «quelli più noti, del calendario», ma pure quelli “della porta accanto”, cioè «i nostri familiari e conoscenti».

Al termine il Pontifice ha salutato i gruppi presenti, chiedendo di accompagnarlo con la preghiera nella visita al Cimitero Laurentino di Roma in programma nel pomeriggio di venerdì 2, giorno della commemorazione di tutti i fedeli defunti. Al quale è dedicato anche il tweet su @Pontifex: «Gesù ha tolto alla morte l’ultima parola: chi crede in Lui sarà trasfigurato dall’amore misericordioso del Padre per una vita eterna e beata».

L'Angelus

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE