Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

A Fátima con Francesco

· ​Messaggio dei vescovi spagnoli per il centenario delle apparizioni ·

 «Insegnaci il tuo stesso amore di predilezione per i piccoli e i poveri, per gli esclusi e i sofferenti, per i peccatori e gli smarriti di cuore: raduna tutti sotto la tua protezione e tutti consegna al tuo diletto Figlio, il Signore nostro Gesù». I vescovi spagnoli rinnovano l’atto di affidamento a Maria Vergine di Fátima pronunciato da Papa Francesco in piazza San Pietro da Papa Francesco il 13 ottobre 2013. La preghiera mariana del Pontefice viene infatti richiamata dall’episcopato iberico a conclusione del messaggio preparato dal comitato esecutivo per il centenario delle apparizioni della Madonna alla Cova da Iria. 

«Insieme con Papa Francesco, pellegrini di speranza e di pace» è il titolo del documento attraverso il quale i presuli invitano l’intera comunità cattolica, pastori e fedeli, a unirsi spiritualmente al pellegrinaggio che il Pontefice compirà al santuario portoghese il 12 e il 13 maggio prossimi appunto per celebrare solennemente il centenario e canonizzare i pastorelli Francisco e Giacinta Marto, testimoni insieme con la cugina Lucia dos Santos delle apparizioni della Vergine Maria.
Si tratta di una devozione, quella alla Madonna di Fátima, ricordano i vescovi, particolarmente radicata nel sentimento popolare. Il santuario è diventato luogo privilegiato di pellegrinaggio, con i pontefici stessi che si sono fatti pellegrini. A cominciare da Paolo VI che vi si recò per il cinquantenario. Per non dire dello speciale intenso rapporto spirituale che ebbe Giovanni Paolo II. Fino a Benedetto XVI che andò a Fátima nel 2010. I vescovi invitano a comprendere il senso profondo delle apparizioni, che vanno lette nel «contesto del disegno salvifico di Dio», e a prendere come modello, per dare impulso alla nuova evangelizzazione, proprio il linguaggio semplice della Madonna con i veggenti, la quale incessantemente invita alla conversione dei cuori e alla preghiera.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

12 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE