Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Farsi prossimi alle persone e alle loro sofferenze

· Approvati due documenti dalla plenaria della Southern African Catholic Bishops’ Conference ·

Abusi sui minori, escalation della violenza, aumento di uso e spaccio di sostanze stupefacenti, nonché le conseguenze della crisi economica sono stati i principali temi affrontati dall’assemblea plenaria della Southern African Catholic Bishops’ Conference (Sacbc), svoltasi recentemente a Mariannhill, in Sud Africa, e al termine della quale sono state diffuse due dichiarazioni.

Nel primo documento, i vescovi si dicono pronti a impegnarsi per «potenziare le modalità per segnalare eventuali casi di abuso», per «accompagnare le vittime nel loro processo di guarigione» e per far sì «che i colpevoli siano chiamati a rendere conto delle loro azioni». Per rendere ancora più efficaci gli strumenti contenuti nella lettera apostolica in forma di Motu proprio Vos estis lux mundi di Papa Francesco, relativa al contrasto degli abusi, la Conferenza episcopale ha deciso «di inviare persone adeguatamente disposte a fare studi speciali sulla salvaguardia e nella protezione di bambini e adulti vulnerabili, in modo che il problema dell’abuso non sia solo affrontato in modo più completo e professionale, ma sia anche prevenuto».

Nel secondo documento, la Sacbc — della quale fanno parte gli episcopati di Botswana, Sud Africa ed eSwatini — esprime la ferma convinzione dell’urgenza di porre fine alle proteste violente in Sud Africa. «Ritengo che una parte di questa violenza — ha dichiarato il vescovo di Umtata, Sithembele Sipuka, presidente della Southern African Catholic Bishops’ Conference — sia dovuta alla nostra assenza come leader ecclesiali. Quando le persone vengono lasciate sole in situazioni disperate sono costrette a ricorrere a misure altrettanto disperate», ha osservato. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE