Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

False soluzioni

· ​Bruxelles e l’Italia contestano la decisione austriaca di erigere una barriera al Brennero contro l’arrivo dei profughi ·

«Costruire barriere fra stati di Schengen, e ora in particolare quella fra Austria e Italia, non è la soluzione giusta». Sono parole chiare e incisive quelle pronunciate oggi dal commissario Ue per l'immigrazione, Dimitris Avramopoulos, intervenendo al Parlamento di Strasburgo riunito in sessione plenaria. 

Il cantiere per la costruzione della barriera sull’autostrada del Brennero (Reuters)

«Credo nella costruzione di ponti, non di muri – ha osservato – serve una politica dell'immigrazione che non conduca a chiudere i confini interni mettendo a rischio Schengen, e questa politica va attuata». Il commissario critica dunque senza appello la recente decisione austriaca di erigere una barriera anti-profughi al confine con l'Italia al Brennero. Ma non solo: c'è anche la tragedia di Idomeni, il campo al confine tra Grecia ed ex Repubblica jugoslava di Macedonia, dove pochi giorni fa la polizia ha usato i lacrimogeni per disperdere la folla dei migranti. «Dobbiamo evitare di giocare con gli stereotipi e di lottare contro di loro. Le immagini vergognose di Idomeni non onorano la storia europea e i nostri valori. Dobbiamo trattare queste persone con rispetto ma dobbiamo anche pianificare una politica e dargli attuazione» ha sottolineato Avramopoulos. Vienna, tuttavia, non sembra al momento intenzionata a fare marcia indietro. L'Austria ha iniziato ieri i lavori per la costruzione di una barriera al Brennero per limitare, in caso di necessità, l'accesso di migranti provenienti dall'Italia. La struttura — ha detto il capo della polizia tirolese Helmut Tomac — avrà una lunghezza di 250 metri e riguarderà l'autostrada e la strada statale. Intanto — riferiscono testimoni sul posto — al valico italo-austriaco sono già stati smontati i guardrail; in una prima fase di lavori sarà anche modificata la segnaletica stradale. Il terreno per la costruzione della barriera è già in fase di preparazione. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE