Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Le distanze al tempo di Facebook

· Dieci anni fa veniva lanciato come un annuario digitale ·

Dario E. Viganò analizza il fenomeno Facebook. Nato il 4 febbraio di dieci anni fa come una forma di rimediazione dell’annuario, Facebook si presenta come uno strumento per fare rete a livello personale, amicale, la cui peculiarità consiste, sempre agli inizi, nel trasporre on line logiche della relazione interpersonale basate su alcune regole di base. È così che, agli inizi dello sviluppo di Facebook, il profilo di ogni utente aveva una bacheca (board), metafora del tipo di spazio pubblico che nei campus universitari viene utilizzato comunemente per scambiare messaggi, tenersi in contatto, aggiornare, condividere piccoli annunci, in una parola: per alimentare nel quotidiano i rapporti interpersonali. Lo stesse pratiche d’uso di Facebook si muovono in questa precisa direzione: “pubblica” “rispondi” (alimentare un dialogo in forma privata o pubblica), “mi piace”, “condividi”.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

08 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE