Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Evitare
una catastrofe a Idlib

· Appello del Papa alla comunità internazionale e a tutte le parti coinvolte nel conflitto in Siria ·

Un appello alla comunità internazionale e a tutte le parti coinvolte nel conflitto in Siria, affinché si eviti il rischio di una «catastrofe umanitaria» a Idlib è stato lanciato da Papa Francesco al termine dell’Angelus di domenica 2 settembre, in piazza San Pietro.

Un bambino  nel campo per sfollati  del villaggio di  al-Ghadfa  nella provincia siriana di Idlib (Fp)

Esprimendo il suo «dolore» per i «venti di guerra» che ancora spirano nel paese e per le «notizie inquietanti» giunte nelle ultime ore, il Pontefice ha esortato tutti «ad avvalersi degli strumenti della diplomazia, del dialogo e dei negoziati, nel rispetto del diritto umanitario internazionale», con l’obiettivo prioritario di «salvaguardare le vite dei civili».

In precedenza, commentando il brano evangelico di Marco (7, 1-8.14-15.21-2) che racconta la disputa tra Gesù e gli scribi e i farisei a proposito dell’osservanza dei tradizionale precetti rituali, il Pontefice aveva affrontato il tema dell’«autenticità della nostra obbedienza alla parola di Dio, contro ogni contaminazione mondana o formalismo legalistico».

Per Francesco anche oggi tra i credenti c’è il rischio di ripetere l’errore dei dottori della legge, cadendo nell’ipocrisia che mira a «stravolgere la volontà di Dio» e «trascurando i suoi comandamenti per osservare le tradizioni umane». Il Signore, ha detto, «ci invita a fuggire il pericolo di dare più importanza alla forma che alla sostanza. Ci chiama a riconoscere, sempre di nuovo, quello che è il vero centro dell’esperienza di fede, cioè l’amore di Dio e l’amore del prossimo, purificandola dall’ipocrisia del legalismo e del ritualismo».

Nella sua riflessione il Papa ha citato anche un passo della lettera di san Giacomo, dove l’apostolo afferma che la vera religione è «visitare gli orfani e le vedove nelle sofferenze e non lasciarsi contaminare da questo mondo»: ossia «praticare la carità verso il prossimo a partire dalle persone più bisognose, più fragili, più ai margini». In proposito il Papa ha chiarito che «non lasciarsi contaminare da questo mondo» non vuol dire «isolarsi e chiudersi alla realtà». Non si tratta, infatti, di «un atteggiamento esteriore ma interiore, di sostanza: significa vigilare perché il nostro modo di pensare e di agire non sia inquinato dalla mentalità mondana, ossia dalla vanità, dall’avarizia, dalla superbia». In realtà, «un uomo o una donna che vive nella vanità, nell’avarizia, nella superbia e nello stesso tempo crede e si fa vedere come religioso e addirittura arriva a condannare gli altri, è un ipocrita».

A partire da questa consapevolezza, Francesco ha invitato i fedeli a fare «un esame di coscienza per vedere come accogliamo la parola di Dio», che va ascoltata e interiorizzata «con mente e cuore aperti, come un terreno buono, in modo che sia assimilata e porti frutto nella vita concreta». Gesù, ha ricordato il Pontefice, «dice che la parola di Dio è come il grano, è un seme che deve crescere nelle opere concrete». E così «la parola stessa ci purifica il cuore e le azioni e il nostro rapporto con Dio e con gli altri viene liberato dall’ipocrisia».

L’Angelus domenicale

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE