Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Europa e migranti

· ​Il commissario Ue Avramopoulos a Roma per ribadire l’appoggio all’Italia ·

Giovani migranti sulle coste siciliane (Reuters)

Il ministro degli esteri italiano, Angelino Alfano, riceve oggi il commissario europeo per le migrazioni e gli affari interni, Dimitris Avramopoulos, che, in un’intervista rilasciata ieri, ha garantito il suo «pieno supporto» per quanto riguarda la strategia globale del governo italiano sul tema dell’immigrazione. «L’Italia si è fatta carico di grandi responsabilità», ha detto Avramopoulos, sottolineando che si tratta però di «una sfida che richiede un approccio europeo su tutti i fronti». Il commissario ha spiegato che il ministro dell’interno italiano, Marco Minniti, può contare sul suo pieno supporto per quanto riguarda la strategia globale sul tema dell’immigrazione. Sulla delicata questione dei rimpatri, il commissario ha sottolineato che si tratta di un elemento fondamentale di un’efficace politica migratoria, spiegando che le risorse europee devono essere concentrate su chi ha effettivo bisogno di protezione. «Non vi è contraddizione tra il rimpatrio dei migranti privi dei requisiti e il rispetto dei loro diritti insieme al principio di non-refoulement». Avramopoulos ha inoltre dichiarato che il numero delle decisioni di rimpatrio sta aumentando e che, dunque, gli stati membri devono adeguare le loro procedure al fine di garantire il mantenimento di un iter efficiente, «facendo leva anche sulla flessibilità concessa dalla direttiva rimpatri dell’Ue». Qualora necessario, il trattenimento dei migranti può essere utilizzato al fine di facilitare l’identificazione, evitare il rischio di fuga e, in tal modo, assicurare il rapido rimpatrio degli irregolari. L’Unione europea supporta gli stati membri finanziariamente affinché tutto ciò avvenga senza problemi e secondo standard rodati. Avramopoulos si è detto certo che sia l’Europa che la Turchia siano «seriamente impegnate a tenere la posizione» a proposito dell’accordo sui migranti. E ha poi ricordato che l’Europa punta a investire di più nei nuovi partenariati creati con paesi chiave in Africa. «Le recenti visite del ministro Minniti in Libia e Tunisia rappresentano dei contributi importanti».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

10 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE