Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Esperienza preziosa

«La Croix» è partner della mostra Chrétiens d’Orient, 2000 ans d’histoire all’Institut du monde arabe. I cristiani d’oriente sono profondamente attaccati alla loro terra. Eppure, in diversi paesi del Vicino o del Medio oriente, sono in molti a considerare o ad avere già intrapreso il cammino dell’esilio, dopo le minacce alla loro sicurezza, la confisca dei loro beni, l’impossibilità di esercitare serenamente il loro culto... E nonostante i passi avanti nella lotta contro Daesh o Al Qaeda, il ritorno alla normalità non è ancora imminente. Ci vorrà del tempo perché le comunità cristiane che avranno resistito alla prova ritrovino il loro posto nello spazio del mondo arabo di cui fanno parte e che hanno contribuito a costruire grazie al loro apporto sul piano religioso, intellettuale, politico, culturale e artistico.

È questo contributo che l’Institut du monde arabe mette in luce nella mostra di Parigi. Chrétiens d’Orient. 2000 ans d’histoire dimostra che il cristianesimo fa pienamente parte della storia del mondo arabo. Della sua storia passata, perché il cristianesimo vi è nato e vi si è sviluppato, ma anche di quella presente, poiché i cristiani d’oriente partecipano alla vita dei loro paesi, come comuni cittadini, sebbene la loro cittadinanza non venga sempre riconosciuta. La scomparsa dei cristiani d’oriente sarebbe una perdita anche per l’occidente.

In questi tempi difficili, l’esperienza di Chiese che hanno una pratica molto antica del dialogo con l’islam è preziosa. Come pure la loro testimonianza di fedeltà nell’avversità. 

di Dominique Grenier

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE