Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Emergenza giustizia in Italia

· Il procuratore generale della Cassazione all'inaugurazione dell'anno giudiziario ·

I magistrati italiani hanno il dovere del «riserbo» al quale «non sempre si attengono, senza rendersi probabilmente conto che una notizia o un giudizio da loro riferita o espresso, data la funzione svolta, assumono una rilevanza del tutto diversa da quelli provenienti dalla generalità dei cittadini». Il richiamo a un maggior «equilibrio e prudenza», che devono osservare i magistrati, viene dal procuratore generale della Cassazione, Vitaliano Esposito, nella sua relazione alla cerimonia per l’inaugurazione dell’anno giudiziario. Allo stesso tempo, il primo presidente di Cassazione, Ernesto Lupo, ha precisato che va mantenuta l’obbligatorietà dell’azione penale, perché il suo venir meno «altererebbe l’assetto complessivo» dei principi basilari del sistema costituzionale. L’indipendenza garantita da questo modello ordinamentale ai magistrati — ha detto il procuratore generale — «ha permesso al sistema di giustizia di affermare il primato della legalità nell’esercizio del potere politico, amministrativo ed economico, a prescindere dalle variabili e contingenti maggioranze politiche».

Il sistema giudiziario italiano vive però un momento di estrema difficoltà: «È oramai sotto gli occhi di tutti — ha detto Esposito — come la situazione quasi fallimentare della giustizia e dei suoi tempi si stia trasformando in una situazione che si può definire quasi di insolvenza per lo Stato». I motivi di quella che si sta trasformando in «una vera e propria situazione di ingiustizia» sono molti. Fra questi, oltre alla mancanza di risorse tecniche e umane, anche l'ingente mole di lavoro. Per questo il procuratore generale ha auspicato che si prosegua nella strada della depenalizzazione di alcuni reati. Anche perché c'è necessità di perseguire con maggiore efficacia i crimini più gravi: la diffusione della 'ndrangheta «è ormai emergenza nazionale» mentre mafia e usura condizionano sempre più l'economia.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE