Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Emergenza di Natale
in mare

· ​Una ong spagnola salva 300 migranti in un giorno ma Malta e Italia rifiutano l’approdo ·

Migrante sale sulla nave Open Arms nel Mediterraneo centrale (Ap)

Circa trecento persone, dopo essere state soccorse in mare, si trovano a bordo della nave spagnola Open Arms, che lancia un appello. «È un’emergenza di Natale», scrivono su Twitter gli operatori della ong spagnola Proactiva che si serve della nave. Ma al momento — ad eccezione del permesso di sbarco accordato da La Valletta per un bimbo di due giorni e sua madre — le autorità di Malta hanno rifiutato la possibilità di approvvigionamenti e il ministro dell’interno dell’Italia, Matteo Salvini, ha escluso qualunque approdo a porti della penisola.

L’ong ha riferito di aver salvato ieri 300 migranti a bordo di tre barche «in pericolo di naufragio». A bordo c’era anche un neonato — partorito su una spiaggia libica poco prima della partenza in mare — con la mamma di 23 anni, gli unici che sono stati evacuati questa mattina con l’elicottero dalle autorità maltesi perché «avevano urgente bisogno di assistenza medica».

Il ministro Salvini ha dichiarato: «La nave Open Arms, di una ong spagnola con bandiera spagnola, ha raccolto trecento immigrati e ha chiesto un porto italiano per farli sbarcare, dopo che Malta (dopo aver fatto giustamente sbarcare una donna e un bambino) ha detto di no. La mia risposta è chiara: i porti italiani sono chiusi!».

Intanto, tutt’altra vicenda si è consumata al largo delle coste britanniche, con protagonisti alcuni irregolari. Quattro uomini, che si erano nascosti in una cabina di una nave italiana della Grimaldi Lines, hanno minacciato ieri il comandante intimandogli di navigare molto vicino alla costa, probabilmente per poter saltare in acqua e raggiungere l’Inghilterra a nuoto. Sulla portacontainer in viaggio da Lagos, in Nigeria, a Tilbury, nell’Essex, nella notte è intervenuta con un blitz la polizia britannica che ha arrestato i quattro uomini in base alla Immigration Act, la legge sull’immigrazione britannica.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE