Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Eliminare il flagello degli abusi

· In Irlanda il Papa denuncia il fallimento dell’autorità ecclesiastica nell’affrontare il grave scandalo ·

Francesco ricorda che la famiglia è scuola di convivenza e di riconciliazione per tutta la società

Nella Chiesa è necessario «un maggiore impegno» per eliminare definitivamente il «flagello» degli abusi; e occorre farlo «a qualsiasi costo, morale, e di sofferenza». A pochi giorni dalla Lettera al popolo di Dio, una nuova severa denuncia dei «crimini ripugnanti» di cui si sono macchiati membri della comunità ecclesiale nei confronti di minori ha scandito i primi momenti del viaggio del Papa in Irlanda.

Durante l’incontro con i rappresentanti del mondo politico e civile del paese, svoltosi sabato mattina, 25 agosto, nel castello di Dublino, il Pontefice è tornato a esprimere «sofferenza» e «vergogna» per «il grave scandalo» che negli anni scorsi ha scosso la Chiesa irlandese. Una denuncia accompagnata dall’ammissione del «fallimento delle autorità ecclesiastiche — vescovi, superiori religiosi, sacerdoti e altri — nell’affrontare adeguatamente» questi casi e dall’invito a «rimediare agli errori passati» adottando «norme stringenti volte ad assicurare che non accadano di nuovo».

Nel primo appuntamento pubblico della visita — che vivrà i suoi momenti più intensi con la veglia di preghiera nella serata di sabato e con la solenne celebrazione eucaristica di domenica pomeriggio a conclusione dell’incontro mondiale delle famiglie — Francesco ha anche reso omaggio all’antica storia di fede dell’Irlanda. E ha ribadito che la famiglia ha bisogno di essere promossa e tutelata «con ogni mezzo», perché costituisce «il collante della società» e indica la strada per «convivere in armonia» e «riconciliare le diversità».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE