Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Economia vulnerabile

· ​Alla vigilia del g20 finanziario l’Fmi lancia l’allarme sulla ripresa globale ·

Sollecitate riforme strutturali per crescita e lavoro

Indice in caduta libera alla Borsa di Pechino (Ap)

Le turbolenze sui mercati iniziano a farsi sentire sull’economia reale, con la ripresa globale che si indebolisce ulteriormente e con il mondo reso più vulnerabile a shock finanziari. A mettere in guardia sui sempre più elevati rischi per la crescita globale è il Fondo monetario internazionale (Fmi) in un documento pubblicato ieri, alla vigilia del vertice dei ministri finanziari e dei governatori delle Banche centrali del g20, in programma a Shanghai il 26 e 27 febbraio.

L’Fmi invita i leader a compiere «un’azione forte a sostegno della crescita e per contenere i rischi», e questo anche tramite «la creazione di un nuovo meccanismo che contenga i rischi legati a shock non economici, quali la crisi dei rifugiati, il terrorismo e le epidemie globali». Fra i rischi che pesano sull’economia — dice ancora l’organizzazione con sede a Washington — «ci sono le turbolenze finanziarie e la Cina, alla quale è necessario guardare con un occhio alla qualità della crescita, non solo alla quantità». Il g20 deve quindi prevedere «un sostegno coordinato alla domanda usando lo spazio di bilancio disponibile per spingere gli investimenti pubblici e le riforme strutturali» afferma il Fondo, sottolineando poi che, in un contesto come quello attuale, la politica monetaria «deve restare accomodante» guardando soprattutto al contenimento dell’inflazione. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE