Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Ecco cosa qualifica l’identità cattolica degli organismi caritativi

· Riflessioni sul motuproprio «Intima Ecclesiae natura» di Benedetto XVI ·

Il cardinale arcivescovo di Madrid, Antonio María Rouco Varela, e l'arcivescovo di Digione, Roland Minnerath, propongo alcune riflessioni in merito al motuproprio di Benedetto XVI "Intima Ecclesiae natura", pubblicato il  1 dicembre del 2012. La nozione d’identità cattolica - scrive l'arcivescovo Minnerath, "appare già nelle prime parole del motu proprio. L’"intima natura della Chiesa" si deve manifestare nelle istituzioni e nell’opera di carità che essa promuove nel nome stesso della sua missione apostolica.  Il motuproprio ricorda opportunamente che "il servizio della carità" è parte integrante della missione di ogni Chiesa particolare e che dipende, a tale titolo, dal ministero del vescovo".

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE