Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Ebola non si ferma

· Secondo le ultime stime dell’Oms il contagio continua a diffondersi ·

Nuove stime sulla diffusione del contagio di ebola in Africa. Il numero di morti dall’inizio dell’epidemia ha toccato quota 4.960, con 13.268 casi confermati. Le cifre sono contenute nell’ultimo rapporto dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), secondo cui il virus continua a imperversare nei tre Paesi più colpiti, Guinea, Sierra Leone e Liberia, mentre non ci sono stati nuovi casi in Mali, Stati Uniti e Spagna, le Nazioni ancora sotto osservazione per aver avuto dei pazienti sul proprio territorio.

Secondo l’Oms, gli sforzi contro il virus vanno concentrati soprattutto nei tre Paesi africani maggiormente colpiti. In questi Paesi — precisa l’Oms — la situazione non è ancora del tutto chiara: se alcune aree stanno conoscendo un sostanziale miglioramento, con una diminuzione dei casi, altre invece sperimentano una forte accelerazione dell’epidemia. Tra il personale sanitario si registrano 549 casi e 311 morti.

Insieme al rapporto periodico, l’Oms ha anche rese note le conclusioni della riunione della Travel and Transport Task Force, una commissione istituita lo scorso agosto di cui fanno parte non solo esperti sanitari, ma anche dirigenti di enti che regolano l’aviazione e gli altri trasporti civili. Questo gruppo ha ribadito il proprio no al blocco delle frontiere nei Paesi colpiti e ad altre restrizioni a viaggi e trasporto merci. Secondo la commissione, gli screening messi in atto al momento sono sufficienti a garantire la sicurezza. «L’Oms non raccomanda divieti generalizzati ai trasporti o ai viaggi, né quarantene generali a passeggeri che arrivano dai Paesi colpiti» si legge nel comunicato finale. «Queste misure potrebbero creare una falsa impressione di controllo e possono avere un impatto negativo sul numero di operatori sanitari che si offrono volontari per assistere i Paesi colpiti. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE