Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

È morto
Manlio Simonetti

All’improvviso è morto oggi a Roma, circondato dai figli e in pace come un giusto, Manlio Simonetti. Con lui scompare uno dei maggiori conoscitori del cristianesimo antico. Nato a Roma il 2 maggio 1926, si era formato alla scuola rigorosa di Gino Funaioli e di Ettore Paratore. Curioso come ogni vero ricercatore, per tutta la vita è stato un filologo, dunque uno storico nel senso più pieno. E fu proprio Paratore, grande latinista e umanista principe, a indirizzarlo per motivi concorsuali allo studio dei testi cristiani, di cui il maestro intuiva l’importanza e che il giovane allievo iniziò a studiare con metodo e tenacia, frequentando la Biblioteca vaticana. E contemperando la ricerca con la passione per il calcio e per la musica classica, passioni maturate già nella Roma del primissimo dopoguerra e mantenute sino agli ultimi giorni.

Dall’arduo ambito agiografico latino, presto allargò il suo campo d’indagine agli autori greci e alla storia dottrinale, arrivando a comprendere i primi otto secoli cristiani nella loro globalità e con uno sguardo unitario che comprendeva tutto il contesto del mondo antico. Salito in cattedra molto presto, Simonetti insegnò dal 1959 al 1969 letteratura cristiana antica all’università di Cagliari e quindi, per oltre un trentennio, storia del cristianesimo alla Sapienza di Roma, dove da tempo convivevano studiosi di patristica e storici delle religioni, ma anche antichisti e orientalisti consapevoli della ridotta efficacia di approfondimenti solo settoriali.

Giovane assistente, aveva affinato la capacità didattica nella scuola, in quel Marcantonio Colonna che ricordava con autentica e divertita simpatia, e soprattutto nell’università romana tenne corsi appassionanti che sapevano congiungere antico e moderno, come il quarto vangelo e Bultmann, le origini del cristianesimo romano e gli scavi a San Pietro. Docente nel Pontificio ateneo salesiano, insegnò all’Istituto patristico Augustinianum della Lateranense dalla fondazione nel 1971 e fino al 2016, ormai novantenne. Socio nazionale dei Lincei dal 1983, nel 2011 è stato il primo a ricevere il premio Ratzinger dallo stesso Benedetto XVI.

La bibliografia, vastissima e variegata, conta molte centinaia di titoli, tra cui numerose memorabili recensioni. Tra le opere più importanti, vanno almeno ricordati i primi Studi agiografici (1955), la pionieristica Letteratura cristiana antica greca e latina (1969), il fondamentale ampio studio La crisi ariana nel iv secolo (1975), l’innovativo Lettera e/o allegoria (1985), vera e propria ricostruzione dell’esegesi patristica, e una storia della letteratura latina tardoantica e altomedievale, pubblicata nel 1986 e riedita vent’anni dopo con il titolo Romani e barbari: le lettere latine alle origini dell’Europa (secoli v-VIII).

Importanti le sue edizioni critiche (Rufino, Gregorio di Elvira, Cipriano, Origene, Agostino, PseudoIppolito) e numerose le traduzioni, sempre limpide (Flavio Giuseppe, testi gnostici greci e latini, Origene, Agostino, Gregorio Magno). Diversi volumi raccolgono gli studi svolti durante oltre mezzo secolo: Studi sulla cristologia del ii e III secolo (1993), Ortodossia ed eresia tra i e ii secolo (1994), Origene esegeta e la sua tradizione (2004), Studi di cristologia postnicena (2006). Nel 2007 è stata pubblicata la raccolta di scritti, tanto brevi quanto preziosi, Classici e cristiani, seguita da Il Vangelo e la storia (2010) e infine da Antiochia cristiana (2016).

Uomo dedito alla scuola nel senso più vasto della parola, è sempre stato generosissimo con i giovani che a lui si rivolgevano, fossero suoi allievi o no, dedicando molto del suo tempo non solo a seguirne i lavori, ma anche a rivederli e a correggerli, con particolare attenzione a quelli filologici, anche negli ultimi giorni, rifuggendo da ogni ringraziamento. E proprio di un progetto propostogli di raccontare in un piccolo libro intervista il suo percorso di studioso e la sua straordinaria esperienza di docente universitario aveva discusso appena un mese fa. Vivace e incuriosito come sempre, ma non immediatamente convinto per una certa ritrosia, brusca e timida, che gli fece sempre respingere con nettezza l’idea di una miscellanea di studi in suo onore. (g.m.v.)

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 novembre 2018

NOTIZIE CORRELATE