Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

È morta Linda Brown che sconfisse
il segregazionismo nelle scuole statunitensi

A 76 anni è morta Linda Brown, famosa per aver causato la fine della segregazione razziale nelle scuole statunitensi. Era il 1951 quando il signor Oliver decise di iscrivere la figlia di nove anni in una scuola vicino casa, a Topeka nel Kansas. La domanda venne respinta: negli Usa segregazionisti, non c’era spazio per una bimba nera in una scuola riservata ai bianchi. Linda venne iscritta altrove, ma suo padre non si diede per vinto e il caso Brown v. Board of Education arrivò alla corte suprema: giudicando «intrinsecamente iniquo separare le strutture scolastiche», la sentenza del maggio 1954 poneva fine alla segregazione razziale nelle aule statunitensi. Ad annunciare la morte di Linda Brown, avvenuta il 25 marzo, è stata la National Association for the Advancement of Colored People: «Da ragazza — ha scritto l’associazione su twitter — il suo coraggio di fronte alle più oscure tenebre della storia americana ha cambiato radicalmente la nostra nazione».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

17 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE