Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

È il momento giusto

· Documento del World Council of Churches sulla giustizia ambientale in vista di Parigi ·

La Conferenza di Parigi sul clima si prefigura come il «momento giusto» per avviare «una trasformazione senza precedenti» nella condotta di persone, società e Stati. 

È quanto sostiene una dichiarazione congiunta che numerosi leader religiosi, coordinati dal World Council of Churches (Wcc) e da altre sigle impegnate nella salvaguardia ambientale, tra le quali Act Alliance e Cidse, hanno sottoscritto. Il documento è l’ultimo atto del cammino di avvicinamento alla ventunesima Conferenza delle parti (Cop21) della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, che, come è noto, si terrà a Parigi, dal 30 novembre all’11 dicembre prossimi.

Un evento, rilevano i leader religiosi, nel quale «per la prima volta in oltre venti anni di negoziati delle Nazioni Unite, un accordo globale e completo sulla giustizia climatica e la protezione del clima, supportato da tutte le nazioni del mondo, può essere raggiunto». Il documento, secondo quanto riferisce il sito in rete del Wcc, è stato consegnato nei giorni scorsi a Bonn al segretario generale della convenzione quadro delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico, Christiana Figueres. In esso, i leader religiosi tornano a esprimere «profonda preoccupazione» per le conseguenze dei cambiamenti climatici sul territorio e sulla popolazione, specialmente la più povera, ricordando come il cambiamento climatico sia davvero una «minaccia per la vita», cioè «il dono più prezioso che abbiamo ricevuto». Una presa di posizione, viene sottolineato sempre dal Wcc, che si pone sulla scia delle preoccupazioni espresse dall’enciclica di Papa Francesco Laudato si’ e dal summit interreligioso che si è svolto a New York il 22 e il 23 settembre scorsi. «Ancora una volta i leader religiosi hanno espresso l’urgente necessità che a Parigi venga raggiunto un accordo equo, ambizioso e vincolante», ha commentato Guillermo Kerber, responsabile per il Wcc del programma Care for Creation and Climate Justice.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE