Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

E il domenicano
predicò in moschea

· A ​Lahore il religioso ha ricordato il grande imam Abdul Qadir Azad ·

 Di padre in figlio, la moschea Badshahi di Lahore, in Pakistan, si conferma esempio di armonia interreligiosa. A darne conferma è quanto avvenuto nei giorni scorsi, quando il padre domenicano James Channan, direttore del locale Peace center, è stato chiamato a predicare nel prestigioso luogo di culto musulmano. Occasione è stata la commemorazione del maulana Muhammad Abdul Qadir Azad, morto sedici anni fa, nel gennaio 2003, che ha servito i fedeli per una trentina d’anni come grande imam nella moschea Badshahi, la moschea imperiale, la seconda come grandezza del Pakistan.

 È stato, ha detto Channan, «un grande promotore di pace e armonia interreligiosa e soprattutto del dialogo tra cristiani e musulmani. Era un grande leader religioso e amante della pace. Era ardente promotore di armonia tra diverse comunità musulmane e con le persone di altre religioni». A invitarlo, il 18 gennaio, prima della consueta preghiera del venerdì, è stato il maulana Abdul Khabir Azad, attuale grande imam della moschea di Badshahi e figlio di Abdul Qadir Azad, che ha organizzato una conferenza interreligiosa per rendere omaggio a suo padre.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

15 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE