Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Duettando nella patria dei Nobel

· Il 13 e il 14 settembre a Stoccolma la nuova tappa del Cortile dei gentili dedicata al rapporto tra scienza e fede ·

Salendo a Nord, il Cortile dei gentili lancia una sfida alla patria dei Nobel: al centro della due giorni di Stoccolma v'è, infatti, il rapporto tra scienza e fede. L’apertura, il 13 settembre, è affidata al cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, e allo scrittore Georg Klein. Seguiranno una lunga serie di duetti. Il primo («Cosa significa credere e non credere?») tra Ulf Danielsson, professore di fisica all'università di Uppsala, e Ingemar Ernberg, biologo e autore del libro Cos'è la vita?. Su «Esiste un mondo non materiale?» si interrogheranno invece Antje Jackelé, vescovo della Chiesa di Svezia e Per Christian Jersild, scrittore e medico, mentre Ylva Eggehorn (scrittrice) e Åsa Wikforss (professore di filosofia all’università di Stoccolma) duetteranno su «Cos’è un uomo?». Il 14 settembre, invece, attorno a «Cosa significa credere e non credere?», si confronteranno Anders Carlberg, scrittore e fondatore del Fryshuset, e Linnea Jacobsson, vicepresidente dei Giovani cristiani di sinistra. Seguiranno i duetti tra Jessica Schedvin e Christer Sturmark (presidenti, rispettivamente, dei Giovani Umanisti e degli Umanisti Secolari), e tra Per Wirtén (scrittore) e Fazeela Zaib (agente di pace e blogger). Gli incontri del primo giorno si terranno all'Accademia Reale delle Scienze, quelli del secondo a Fryshuset, il più grande centro di attività sociali per giovani in Europa, che accoglie ragazzi in difficoltà.
Assente (perchè costretto a rinunciare all'ultimo) lo scrittore Torgny Lindgren. Grande selezionatore di parole, ispirato dalla tradizione orale contadina; tessitore del silenzio, radicato insieme nella Svezia profonda, nella tradizione biblica e nella letteratura europea, la sua poetica parrebbe essere che nessuna condanna è definitiva: la grazia non ha regole, e può arrivare nell'istante e dalla direzione più imprevedibili. Le pagine di Lindgren ci dicono che il confine fra vero e falso nel mondo delle cose e delle persone è molto più che labile: è privo di senso in un mondo retto da una fantasia che non conosce confini, bizzarra, arguta, gotica a tratti, ma mai tetra. Sono romanzi imbevuti di azione quelli di Lindgren. Un'azione, però, affidata alla parola e alla riflessione: le azioni spericolate e rocambolesche scaturiscono dalla parola, dalla sua capacità di svelare non tanto ciò che è vero, quanto ciò che è retto.
«Gli feci osservare che la maggior parte delle sciagure del nostro tempo sono state causate dalla lettura e dalla scrittura. Le formule chimiche. Il codice genetico. I programmi di partito. Le dichiarazioni di guerra. Le autorità. La bomba atomica»: è Torgny Lindgren tra scienza, fede e letteratura. In attesa che l'autunno di impegni annullati finisca.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE