Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Duemila civili intrappolati nella giungla

· Per i combattimenti tra esercito del Myanmar e guerriglieri kachin ·

Circa duemila civili sono intrappolati da giorni nella giungla nel nord del Myanmar, dove si sono rifugiati per sfuggire agli scontri a fuoco tra l’esercito e i guerriglieri dell’Esercito di indipendenza del Kachin, che rappresenta la minoranza kachin di religione cristiana. Lo hanno denunciato alcuni leader della comunità locale, precisando che i combattimenti hanno luogo nell’area di Tanai dello stato di Kachin (al confine con la Cina), una zona molto ricca di risorse naturali come ambra e oro.

Membri della minoranza kachin in Myanmar (Ap)

Il gruppo — che comprende cinque donne incinte e due che hanno appena partorito, oltre a 93 anziani — ha «disperato bisogno di cure mediche e di cibo», hanno dichiarato all’agenzia Associated Press fonti locali, aggiungendo che alcuni dei profughi sono stati feriti dai colpi di mortaio lanciati dalle forze armate del Myanmar. Un’organizzazione non governativa, il Kachin State Women Network, ha fatto richiesta di potere portare aiuti al gruppo di profughi, ma non è stata ancora autorizzata dalle autorità.

La guerra nel Kachin si è riaccesa tre anni fa dopo una lunga tregua, provocando numerose vittime, soprattutto civili, e oltre 100.000 sfollati. Il conflitto tra l’Esercito di indipendenza del Kachin e le truppe governative dura dal 1965. Nel 2010 è stato negoziato un cessate il fuoco, poi violato nel 2015. La guerra ha costretto i kachin (tra i sette principali gruppi etnici del Myanmar), a fuggire e trovare riparo nei campi profughi. Le organizzazioni umanitarie denunciano crescenti restrizioni statali alle attività di assistenza dei rifugiati.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

17 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE