Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Due sciagure minerarie in Pakistan

· Morti ventitré operai nel Belucistan ·

Due gravi sciagure minerarie, a pochi minuti l’una dall’altra, hanno provocato ieri in Pakistan la morte di almeno ventitré operai. Gli incidenti, dovuti a esplosioni di gas, si sono verificati in due miniere del Belucistan, la più vasta provincia pakistana.

Primi soccorsi  ai minatori feriti nel crollo  (Ap)

La prima sciagura è avvenuta a Pir Ismail, località a 45 chilometri del capoluogo provinciale, Quetta, dove lo scoppio ha causato crolli all’interno dei pozzi, nei quali sono rimasti intrappolati sedici minatori, i cui cadaveri sono stati recuperati nelle ore successive.

Quasi contemporaneamente, nell’area di Sooranj della stessa Quetta, un’altra potente esplosione di gas, in un impianto della Pakistan Mineral Development Corporation, ha ucciso sette minatori impegnati nelle gallerie. I soccorritori sono al lavoro per accertare che non vi siano altri minatori bloccati. Lo riferisce l’emittente televisiva locale Geo-Tv.

Secondo dati ufficiali, in Belucistan esistono circa 2500 miniere, in condizioni di sicurezza non sempre ottimali, che danno lavoro a oltre 20.000 persone.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE