Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Due occhi e un sorriso

· Nell’anniversario dell’enciclica «Pacem in terris» ·

Siamo debitori anche a Giovanni XXIII - scrive il cardinale Loris Francesco Capovilla - se nel trambusto della storia teniamo sollevata sopra le nostre teste la lampada della speranza, «la piccola bambina che sembra trascinata dalla fede e dalla carità sue sorelle maggiori, mentre è lei che le alimenta e le sospinge (Charles Péguy); è grazie anche a lui se ci è consentito presagire la riconciliazione delle genti e operare con decisione perché vengano riconosciuti e tutelati i diritti inalienabili della persona; se abbiamo appreso a leggere più attentamente i segni dei tempi.

Giacomo Manzù, «Porta della Morte» (1964, particolare)

Dobbiamo anche a lui il dono di camminare con la Chiesa non sconsolati, quasi di fronte a una stele funeraria, né solo abbagliati dinanzi ai prodigi seducenti della scienza e della tecnica, non essendo semplicemente cultori di benessere comunque ottenuto. Siamo «coltivatori di un giardino destinato a perenne fioritura», bramosi di dissetarci all’antica fontana del villaggio che «dà l’acqua alle generazioni di oggi, come la diede a quelle del passato» (Discorsi messaggi colloqui del Santo Padre Giovanni XXIII, Poliglotta Vaticana, volume III, p. 9).

L’11 agosto 1904, il giovane Angelo Giuseppe Roncalli ordinato prete a Roma il giorno prima, scende nelle Grotte Vaticane, accompagnato dal vice rettore del seminario romano e da alcuni condiscepoli e celebra la prima messa nella Cappella Clementina, la più prossima al sepolcro del Principe degli apostoli. Ha poco più di 22 anni. Bergamasco, figlio di coltivatori della terra, quartogenito di tredici figli, è sbocciato al sole durante il pontificato di Leone XIII. Nessuno dei congiunti gli sta accanto, perché le condizioni economiche della famiglia non hanno consentito l’acquisto del biglietto ferroviario Bergamo – Roma e ritorno. Chi lo incontra rimane conquistato dal suo aspetto di giovane intelligente, riservato, tranquillo. Si dirà di lui: due occhi e un sorriso. Tale apparve ai romani e al mondo alle 18.20 del 28 ottobre 1958, sulla loggia centrale di San Pietro.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

26 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE