Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Due nonne due mondi e un parroco intraprendente

· L’infanzia di Chiara Frugoni ·

"Uno dei pochi privilegi della vecchiaia – scrive Lucetta Scaraffia recensendo Perfino le stelle devono separarsi (Milano, Feltrinelli, 2013) – è avere qualcosa da raccontare, ma non tutti lo sanno fare con la leggerezza gioiosa e la pietas di Chiara Frugoni nel suo breve libro di memorie". 

Un’infanzia vissuta durante la guerra, fra mille restrizioni, e dominata dalle figure di due nonne, la ricca e la povera, entrambe interessanti e importanti, che fin da piccola le dimostrano concretamente la differenza delle classi sociali. Un mondo però in cui genitori e maestri, di tutte le classi sociali, erano soliti punire con le botte i bambini, a cui pensano di avere molto da insegnare, con le buone o con le cattive. Bimbi verso i quali prevale il senso di responsabilità, la certezza di dover dare in primo luogo un’educazione, rispetto alle espressioni affettive e alla protezione incondizionata che oggi sono tanto diffuse. Ma nessun bambino dubitava mai del loro amore.

La religione è sempre presente nella vita quotidiana, e non è un’esperienza positiva. Si salva solo un parroco intraprendente, che porta nel paesetto collinare il teatro e il cinema, ampliando così, in modo decisivo, la capacità di immaginazione dei contadini. Ma non è certo la modernità che manca, in queste pagine intrise di amorosa nostalgìa, come rivela fin da principio il bellissimo titolo.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

27 aprile 2018

NOTIZIE CORRELATE