Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Dubbi di Mosca sui raid contro l’Is in Siria

· F-16 statunitensi arrivati nella base turca di Incirlik ·

Scintille tra Mosca e Washington. Il ministro degli Esteri russo, Serghiei Lavrov, ha espresso ieri dubbi sulle scelte militari statunitensi riguardo ai raid aerei in Siria e preoccupazione per il pericolo che gli attacchi mirati contro le postazioni del cosiddetto Stato islamico (Is) colpiscano le popolazioni civili.

F-16 statunitensi decollano dalla base Nato di Aviano (Afp)

In un’intervista alla televisione statale russa, Lavrov ha spiegato di avere «francamente messo in guardia i miei colleghi sul rischio di un errore fatale che può compromettere la situazione in misura tale da renderla incontrollabile per chiunque». Secondo Lavrov è «molto facile commettere un errore in una situazione in cui gli americani non hanno alcuna presenza sul terreno». Proprio ieri, sei cacciabombardieri statunitensi f-16 hanno raggiunto la base aerea di Incirlik, nel sud della Turchia. Saranno appunto impegnati nelle operazioni contro l’Is in Siria.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

11 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE