Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Doppio colpo a Trump

· Condannato Manafort mentre Cohen si dichiara colpevole ·

Duro colpo all’amministrazione di Donald Trump. Era dai tempi di Richard Nixon che un presidente degli Stati Uniti non veniva toccato da accuse così gravi. Tutto è avvenuto ieri, in poche ore. In Virginia, intorno alle 16 ora locale, l’ex capo del comitato elettorale di Trump, Paul Manafort, è stato condannato per vari reati finanziari, tra cui frode fiscale e frode bancaria. Più o meno un’ora dopo, a New York, Michael Cohen — ex avvocato personale di Trump e suo fidato collaboratore — si è dichiarato colpevole di otto capi d’accusa, tra cui evasione fiscale, false dichiarazioni bancarie e uso illecito di fondi elettorali. I due casi — precisa la stampa — non sono collegati tra loro, né hanno effetti sull’inchiesta sul Russiagate, ovvero le possibili relazioni tra lo staff del presidente e il Cremlino, prima e dopo le elezioni del 2016. Sulla condanna di Manafort Trump ha dichiarato: «Paul è un brav’uomo, era con Ronald Reagan, è stato con molte persone diverse nel corso degli anni, mi sento molto triste». Manafort «non ha nulla a che fare con la collusione russa» ha sottolineato ancora Trump ai giornalisti poco prima di partecipare a un comizio a Charleston, in West Virginia. «Questa è una caccia alle streghe e una disgrazia».

Va precisato che Manafort è stato condannato in relazione ai suoi affari personali, non al Russiagate, per aver accumulato redditi per milioni di dollari in conti correnti stranieri mai dichiarati, e di aver mentito alle banche per ottenere prestiti da milioni di dollari. Su altri dieci capi d’accusa la giuria in Virginia non ha trovato un accordo; i procuratori potranno scegliere se incriminarlo di nuovo. Manafort sarà processato ancora il mese prossimo a Washington, stavolta per accuse che riguardano ostacolo alle indagini, riciclaggio di denaro e spionaggio.

Più direttamente legata a Trump è la vicenda di Cohen. Questi ha affermato sotto giuramento di aver commesso il reato federale di uso illecito di fondi elettorali «in collaborazione e su indicazione del candidato, allo scopo di influenzare l’esito delle elezioni».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 aprile 2019

NOTIZIE CORRELATE