Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Donne da record

· ​In crescente aumento in Inghilterra e Galles le adesioni femminili alla vita religiosa ·

Il numero di donne entrate in convento nel 2014 in Inghilterra e Galles ha registrato un picco di crescita come non accadeva da venticinque anni. Un dato che conferma l’andamento positivo degli ultimi anni e che fa ben sperare per il futuro.

Ad annunciarlo è il sito in rete della Conferenza episcopale di Inghilterra e Galles, dove, con una nota, si sottolinea come il numero minimo delle vocazioni femminili si fosse registrato nel 2004, quando, in quell’anno, vi erano stati solo sette ingressi in conventi femminili. Poi, si è verificata una crescita costante fino a un massimo di quarantacinque donne lo scorso anno. «La vita religiosa — si legge sul sito della Conferenza episcopale di Inghilterra e Galles — è una scelta attraente per un numero crescente di ragazze o donne istruite e dinamiche». Secondo suor Cathy Jones, dell’Ufficio nazionale per le vocazioni, una spiegazione di questo risultato sta nella «crescita di una cultura delle vocazioni nella Chiesa, che rende disponibile ai giovani la possibilità di incontrare guide esperte». Padre Christopher Jamison, direttore dello stesso organismo episcopale, ritiene che, in generale, nella cultura secolare, ci sia «un vuoto dei significati, e uno dei modi in cui le donne possono scoprire un significato è proprio attraverso la vita religiosa».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE