Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Domenica 17 agosto

Da oggi si chiama Francesco. Ha cinquantasei anni, gli occhi a mandorla neri, pochi capelli in testa. Il volto appare provato dal dolore nonostante abbia appena ricevuto la grazia del battesimo. Papa Francesco mantiene la promessa fatta a Daejeon a questo padre che ha perso un figlio non ancora sedicenne nella tragedia del traghetto Se Wol e domenica lo battezza nella cappella della nunziatura.

Lee Ho Jin è venuto senza padrino. Si presta un dipendente della nunziatura. Il rito si svolge in coreano. A tutto pensa padre John. Il Pontefice interviene al momento di versare l’acqua benedetta sul capo dell’uomo e di ungerlo con il crisma. Ho Jin sceglie di chiamarsi d’ora in poi Francesco.

L’uscita è un po’ più comoda rispetto alle altre giornate: si parte alle 10 per raggiungere Haemi, altra località legata al ricordo dei martiri coreani del XIX secolo. Il viaggio del Papa, ormai alla sua quarta giornata, assume da domenica 17 agosto una dimensione più ampia, continentale.

Quarantacinque minuti di volo e gli elicotteri atterrano nel parcheggio di una scuola a quattro chilometri dal castello di Haemi, dove i vescovi dell’Asia attendono Francesco. Accanto a ciò che rimane del castello è stato eretto un santuario dove si venerano i martiri coreani dell’Ottocento, molti dei quali decapitati proprio nelle segrete dell’antico edificio.

Il rettore fa gli onori di casa ma lascia la parola al cardinale Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbay, presidente della Federazione delle conferenze episcopali dell’Asia.

Ora si prega. Vengono proclamate le letture, si recita l’ora media. Il Papa scende dalla cattedra e sceglie di parlare viso a viso con i vescovi. Passa in rassegna luci e ombre della Chiesa, chiamata a essere «versatile e creativa» in un continente vasto, ricco di culture diverse, restando fortemente radicata alla propria identità. Invita i vescovi all’apertura di mente e di cuore, all’accoglienza affinché siano sempre pronti al dialogo ma ben attenti a non cedere alle tentazioni della mondanità, del relativismo, della superficialità. Tutti sintomi dei mali che hanno colpito la Chiesa in Europa e in altri Paesi occidentali, ma che si cominciano a intravedere anche in Corea.

Il pensiero del Pontefice va ora oltre i confini del Paese che lo ospita. Raggiunge quelle nazioni asiatiche con le quali «la Santa Sede — dice — non ha ancora una relazione piena» e invoca l’apertura di un dialogo che sia di beneficio per tutti. In Asia più della metà dei Governi impone restrizioni alla libertà di religione e di coscienza. E c’è chi mostra il suo volto antireligioso come uno degli elementi distintivi della propria identità.

Francesco implora i vescovi di non lasciarsi scoraggiare e di continuare a cercare il dialogo. Ma, dice citando Benedeto XVI, la Chiesa non fa proselitismo, cresce per attrazione; si mostra nella sua identità perché tutti vedano che non intende conquistare nessuno. Propone solo una strada da percorrere l’uno accanto all’altro.

Pranzano insieme, il Papa e i vescovi dell’Asia, nella residenza annessa al santuario. Poi si dirigono verso il castello nel cui piazzale interno migliaia e migliaia di giovani, sin dalle prime ore del mattino, cantano e pregano nonostante la pioggia caduta senza sosta.

«Alzatevi, giovani dell’Asia. La gloria dei martiri risplende su di voi». Il Pontefice  fa suo il motto della sesta giornata della gioventù asiatica e lo traduce nell’esperienza quotidiana. Ha davanti a sé giovani in rappresentanza di 23 Paesi. Ci sono assenze che pesano. O forse sono solo presenze nascoste. C’è sicuramente anche chi rischia. E lo sa. Ma c’è quella gloria dei martiri alla quale dar conto.

I colori sono meravigliosi. Ogni gruppo annuncia la sua presenza con una sorta di divisa particolare, riconoscibile dalla maglietta o dal capello. Ognuno vorrebbe raccontare la propria storia. Ma il Papa li conosce bene. Sa che tra di loro c’è chi vive nel benessere e corre il rischio di perdersi inseguendo modelli che non appartengono alla sua cultura. Non a caso l’Asia è il continente con il maggior numero di internauti al mondo e la velocità dello scambio di informazioni a volte finisce per frastornare giovani abituati ad altri ritmi.

Ma c’è anche chi, nonostante il rapido mutamento della condizione economica abbia portato il continente al primo posto nella scala mondiale, rappresenta quanti vivono nell’assoluta indigenza. Le statistiche spaventano: si parla di centinaia di milioni di poveri.

E la povertà tocca per la gran parte proprio i giovani asiatici. Nel continente del resto vive il cinquanta per cento dei giovani al di sotto dei venticinque anni. Ma oggi qui ad Haemi non c’è spazio per la disperazione. Si pensa solo a fare il pieno di speranza per ripartire. E il Papa dall’altare usa le parole giuste. Appropriata la cornice.

L’altare viene montato pochi istanti prima dell’arrivo del Pontefice. È realizzato con le croci, incastrate l’una nell’altra, che ognuno dei gruppi presenti ha portato con sé e sulle quali ha raffigurato la propria sofferenza: chi per la mancanza di libertà, chi per la mancanza di lavoro, chi per la mancanza della pace. Uno speaker chiama i gruppi uno dopo l’altro e spiega ciò che depongono su quell’altare. Anche tre giovani cinesi portano la loro croce.

Ci sono tanti pastori a condividere questa grande esperienza di fede. Prima di lasciarli il cardinale Gracias dà appuntamento ai giovani in Indonesia nel 2017 per la settima edizione della giornata della gioventù asiatica. E spera non manchi più nessuno.

Sono da poco passate le 19.30. Il maltempo sconsiglia l’uso dell’elicottero. Si rientra in treno. Dalla stazione alla nunziatura c’è da percorrere un lungo tragitto in auto. È un’ora cruciale per la città. Mille luci si accendono e il traffico aumenta sempre più di intensità. Eppure — e questa è una caratteristica invidiabile di questa città affascinante per tanti versi — il rumore della metropoli non è così assordante come si registra nelle capitali occidentali, anzi.

La gente poi si muove frettolosa, per tutto il giorno, a qualsiasi ora; ma lo fa in modo da non infastidire nessuno. Ed è straordinario vedere come siano capaci di manifestare tutta la loro gioia al Pontefice, di fargli sentire tutto il calore di cui sono capaci pur senza perdere quella compostezza tutta orientale che li caratterizza.

Ed è con questa compostezza che salutano Papa Francesco mentre rientra in nunziatura per trascorrere la notte e concludere così la quarta giornata del suo viaggio in Corea.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE