Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Disastro ferroviario in India

· ​Oltre 140 morti per un deragliamento nell’Uttar Pradesh ·

Soccorritori in azione sul luogo  della sciagura ferroviaria (Ansa)

Si è ulteriormente aggravato il bilancio del disastro ferroviario di ieri nello stato settentrionale indiano dell’Uttar Pradesh. Finora i morti accertati sono 140, ma si teme possano essere molti di più. I feriti sono più di 200, alcuni molto gravi. Il maggior numero di vittime si è registrato nei primi due dei quattro vagoni-letto, che si sono letteralmente accartocciati l’uno sull’altro.

A bordo delle 14 carrozze, deragliate all’altezza della località di Pukhrayan, probabilmente a causa della rottura dei binari, c’erano circa 500 passeggeri. Il treno era in viaggio tra Patna e Indore. Si tratta del più grave incidente ferroviario in India dal 2010, quando un convoglio merci si scontrò frontalmente con un treno passeggeri nel Bengala occidentale, nell’est del Paese, provocando 146 morti e oltre 200 feriti. La Indian railways è la quarta rete ferroviaria del mondo, copre circa 65.000 chilometri, conta 1,3 milioni di dipendenti e 12.500 treni, che trasportano ogni anno circa 23 milioni di passeggeri. Il premier, Narendra Modi, ha promesso un piano di investimenti di 137 miliardi di dollari in cinque anni per modernizzare le ferrovie indiane.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE