Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Diritto all’istruzione

· L’Unhcr chiede fondi per aiutare oltre tre milioni bambini profughi che non possono andare a scuola ·

Bambini siriani sfollati in un campo alla frontiera con la Turchia (Afp)

È un vero e proprio bivio quello davanti al quale si trovano, senza possibilità di scegliere da che parte andare, 3,5 milioni di bambini rifugiati che non hanno accesso alla scuola. Un bambino che non va a scuola è debole, più esposto alla violenza e agli abusi e ha di fronte a sé un futuro di incertezza. Sui banchi, invece, c’è la possibilità di ricominciare a sognare per costruire un futuro dignitoso e lasciarsi alle spalle la guerra. Per questo l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr) ha lanciato, per il secondo anno consecutivo, una campagna di sensibilizzazione e di raccolta fondi per assicurare percorsi di studi anche a bambini profughi e sfollati. L’istruzione — sottolinea l’Unhcr — «è l’unica vera risorsa che ciascun bambino ha per superare il dramma dei conflitti, tornare a una routine rassicurante e costruire per sé stesso e la sua comunità di appartenenza, un futuro di pace e dignitoso» si legge in un comunicato. Un bambino rifugiato «ha già dovuto subire il trauma della violenza e della fuga forzata per sopravvivere, spesso ha perso anche i suoi genitori», commenta Carlotta Sami, portavoce dell’Unhcr per il Sud Europa. «Non possiamo e non dobbiamo permettere che debba rinunciare anche all’istruzione». In concreto, con i fondi raccolti grazie alla campagna di quest’anno, che proseguirà fino al 28 gennaio, l’Unhcr sosterrà il programma «Educate a Child», messo a punto e sperimentato già dal 2012, in dodici paesi: Siria, Iran, Pakistan, Yemen, Etiopia, Malesia, Kenya, Uganda, Ruanda, Sud Sudan, Ciad, Sudan. In questi anni in alcune zone di questi paesi il programma ha garantito accesso all’istruzione a un milione di bambini rifugiati. Inoltre, dall’inizio del programma sono state costruite e ristrutturate 210 scuole e sono state realizzate e ristrutturate 3133 classi.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

05 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE