Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Diplomazia al lavoro

· ​Progressi negli incontri tra Stati Uniti e Corea del Nord ·

 Si registrano progressi nei colloqui diplomatici tra Stati Uniti e Corea del Nord in vista del vertice tra Donald Trump e Kim Jong-un. Con l’obiettivo di definire gli ultimi dettagli dell’atteso faccia a faccia — che, come annunciato, dovrebbe tenersi il 12 giugno a Singapore — uno dei più alti funzionari del regime di Pyongyang, Kim Yong-chol, è a Washington per incontrare il segretario di stato americano, Mike Pompeo.

Mike Pompeo e Kim Yong-chol (Ap)

Lo riporta l’agenzia sudcoreana Yonhap, ricordando che la missione di Kim Yong-cho— ex capo dei servizi militari di intelligence e attuale vicepresidente del comitato centrale del Partito dei lavoratori — è la prima di un funzionario della Corea del Nord negli Stati Uniti dal 2000. Si tratta dell’ultimo tassello, in ordine di tempo, del complesso mosaico che da giorni va smontandosi e rimontandosi per poter svolgere il vertice di Singapore sulla denuclearizzazione della penisola coreana, definito dallo stesso Trump un «traguardo senza precedenti».

E pochi giorni prima, il presidente incontrerà alla Casa Bianca il premier giapponese, Shinzo Abe. Il primo ministro ha ricordato l’importanza del tentativo di risoluzione del problema relativo ai cittadini giapponesi rapiti dai servizi segreti nordcoreani. Una vicenda che — a detta di Abe — rimane la priorità della sua amministrazione.Il Giappone considera la Corea del Nord responsabile del rapimento di almeno 17 cittadini nipponici tra il 1970 e gli anni ottanta per motivi di spionaggio, e sospetta che i servizi segreti del regime di Pyongyang siano coinvolti in altri casi. Nel 2014 Tokyo aveva eliminato alcune sanzioni nei confronti della Corea del Nord per consentire una risoluzione della disputa.

L’incontro tra Abe e Trump potrebbe avvenire prima della riunione del g7 in programma l’8 e il 9 giugno in Canada.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

15 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE